A vela in Croazia - da Trieste a Premuda
. Home
. Magazine
. Speciali 2009
. Barche con equipaggio
. Barche bareboat
. Luoghi - Mediterraneo
. Luoghi - resto del Mondo
. Crociere con equipaggio
. Bareboat
. Crociere intelligenti
. Cultura Marinara
. Informazioni
. In mare
. Gourmet
. Sailing TV
. Equipaggi
. Spedizioni a vela
. e.mail
Le nostre destinazioni

. Costa Azzurra
. Amalfi e Ponza
. Toscana
. Croazia/Istria
. Croazia sud
. Eolie
. Corsica e Sardegna
. Grecia Ionica
. Grecia Egeo
. Baleari - Maiorca/Minorca
. Baleari - Maiorca/Ibiza
. Turchia
. Antartide
. Patragonia
. Caraibi
. Thailandia
. Galapagos
. Seychelles
. Madagascar
. Andaman Islands
. Maldive
. Svezia

 
Contattaci se vuoi andare per mare, ovunque sia
Croazia - da Trieste a Premuda

Iniziamo dai soliti accorgimenti pratici.

  1. Fate la spesa sulla terraferma: poco o nulla si potrà trovare tra le isole, il negozietto dell’unico marina del parco nazionale ha un’offerta che avrebbe fatto ridere persino ai tempi del razionamento, i rari pescatori hanno contratti in esclusiva con i pochi ristoranti e l’unica imbarcazione che vi avvicinerà non offrirà altro che il biglietto del parco nazionale in cambio di 10 euro a testa al dì… Da notare che gli addetti a quest’ultima attività sono particolarmente brillanti e solerti. La Dalmazia vive di turismo, e si vede. Inoltre, per quanto anche un perfetto ignorante di pastorizia posa notare che queste isole sono il paradiso per il genere caprino, trovare un cosciotto d’agnello è un’impresa che riesce solo nelle grandi città o nella macelleria di Hvar. Peraltro, se vi piacciono gli agnelli che sanno poco d’agnello, andate in Scozia…
  2. Nauticalia: navigate con la radio accesa sempre sul canale 16 per gli avvisi di maltempo. Assicuratevi di avere a bordo due cime lunghe abbastanza per ormeggiarvi a terra. Assicuratevi sempre che l'ancora abbia fatto buona presa. Se sulle isole ci sono pochi alberi, anzi direi nessuno, non è solo merito delle capre che un tempo salassavano il sottile suolo delle isole, ma anche del vento che soffia da maestro, tramontana e greco con autorevole persistenza, per quanto non frequentemente in estate. La geografia delle isole aiuta e vi sono innumerevoli alternative di ancoraggio, ma tenere sempre ben presente che: i fondali sono quasi sempre una fitta foresta di alghe dove la maggior parte delle ancore (danforth e delta in particolare) scivolano felici. Se c’è tanto vento portate le cime a terra e lasciate a queste il compito di difendersi dal vento. RICHIEDETE UN SET DI CIME A TERRA AL MOMENTO DEL CHECK IN!!!!. Inoltre non aspettatevi che tanta generosità geografica e collinosa ondulazione geologica finisca a 4 metri sotto il livello del mare con un bel fondo di sabbia… le onde di roccià, perché proprio a questo l’arcipelago assomiglia, continua sott’acqua con la consueta abbondanza di pietre e inclinazione perversa, quindi assicuratevi di avere tanta catena (perché vi capiterà di dar fondo in oltre venti metri) e una cima per allungarla ulteriormente a portata di mano. In ogni caso, se volete dormire sempre sonni tranquilli, ancora verso il sottovento e due belle cime a terra: tanto lavoro (e ricci e pietre aguzze…) che non rimpiangerete di notte se il vento ululà (e castello ululì…). I balcani sono grandi e rocciosi, quindi facilitano la formazione di piacevoli brezze tra l’una e le 6 del pomeriggio. Se qualcuno vi ha detto che l’acqua da quella parte dell’adriatico è più fresca, non credetegli.
  3. Marina: praticamente ovunque e non a buon prezzo
  4. Acqua e gasolio: spesso quei volponi dei marina passano mancette sottobanco ai distributori di gasolio perché si perdano le chiavi dell’acqua, e il marina non lascia attraccare solo per rifornimento liquidi. Eggià, pensavamo di essere furbi solo noi italiani? Quindi rispondiamo con adeguata prontezza: mancette, avvicinarsi ai pontili dei marina prima che arrivino gli addetti la mattina presto e attaccarsi alla manichetta, preferire posti poco affollati e non illudersi di poter attraccare in piazza a Hvar a ferragosto, fare acqua e la spesa e poi partire.
  5. Prezzi: a metà strada tra Rimini e Porto Cervo. Sono già pronti all’ingresso nella CE.
  6. Varie: le carte di credito sono considerate alla stessa stregua dei biglietti da visita e i bankomat non ci sono nell’arcipelago. Quindi fornitevi di liquidi in abbondanza. Ogni giorno nel parco sono 10 euro e ogni cena fuori sono 50… a testa. Beato che c’è stato nel dopo-tito, con il parco gratis e l’aragosta poco più cara della birra. A proposito di birra, le locali sono ottime (Ozuisko e Lasko in testa). Le sane e oneste bottiglie da un litro di vino locale il più delle volte non deludono, ma tanto ormai vi sarete accorti che il vino è uguale o quasi dappertutto, in estate ( a meno che non scegliate una crociera di degustazione Armstrong Global…), e col caldo che fa meglio privilegiare la quantità che la qualità. Come sempre, a beneficio dei nostri clienti, siamo stati costretti a ingerirne quantità norevoli per scoprire se fanno venire il mal di testa di mattina. Il risultato è stato come sempre ambiguo: ma un tutto dell’acqua aiuta.
  7. Per i ristoranti, visitate la pagina del Gambero Blu. Le possibilità da noi visitate lungo questa costa sono numerosissime

 

Venice. Again we underline how practical and smart is a visit to Venice on a private cruise, where you can enjoy the magic of the city without paying its outrageous prices and average service qualities.

Trieste has only one problem: Venice. Had the famous city been somewhere else, Trieste would deservedly be an important tourist destination. Castles on the sea, a fascinating old quarter packed with taverns and wine bars, a world famous collection of cafès, Austrian architecture and cultural venues around its unique square on the harbour, are just a brief introduction to the European capital of coffee.

Rovinij. This village is a jewel of Venetian architecture. Situated on a perfectly sized peninsula with a well sheltered harbour, its round alleys among grey stone houses with terra-cotta roofs are a place to get lost in, enjoying some of the local restaurants, such as the famous Mario's.

Parenzo/Porec: un altra splendida cittadina fondata dalla Repubblica di Venezia, con un porto storico e ben protetto, con decine di viottole di pietra bianca tra case ben tenute. Molti i ristoranti e, ovviamente, moltissimi i turisti in stagione.

Costa Istriana: gli ancoraggi lungo la costa sono numerosi e piacevoli, sicurissimi in caso di Bora. particolarmente piacevoli quelli sulla punta meridionale prosso Medulino, quelli a nord di Rovigno e tra le isolette presso Parenzo.


Briunj. Dictators might be evil but usually they are far from stupid. Tito declared this island his own private playground, built a 'house' accordingly (alas following cold-war style), filled it with animals, still there, closed it up for his own use. Now it's a national park where everyone can enjoy a bicycle ride among bambis and other animals, diving into bays where all boats are banned. You indeed have to use the local harbour, not chea but the price include the park fee and the use of the hotel restrooms, where you can have a clear idea about how the red potents lived.

Cres/Cherso: bel marina con villaggio molto piacevole proprio a metà dell'Isola di Cherso. Solito paesino molto carino e ristoranti dove fare il pieno di proteine - Quantità sulla qualità... Ma a buon prezzo.

Mali Losinij. The town is divided into two parts, Mali (big) and Veli (small), but actually the Mali one is the smaller, cuter more attractive. Very attractive indeed, with its wall 'promenade', small harbour and good restaurants where you can splurge in prawns, the local absolute culinary marvel. Try the Sidro and tell them Sandra sent you.

Olib and Premuda. These two small islets represent anything you can look for in a small islet. Atmosphere, fishermen's anchorages and small havens, isolated locals, blue waters, home-style gourmet and the priceless impression you come from another century.

 
 
. speciali
. early book
. last minutes
. Grand Soleil
. Barcolana
1
Dal Magazine
. Antarctica
. Designers
. Menorca
. Cultura
. News
. Swan 44
3
In partenza?
. Meteo
. In mare!
. Sicurezza
. Cultura
. News
4

Armstrong Global: charter nautico, noleggio bareboat, itinerari a vela e vacanze in Croazia

Basi bareboat in Croazia
. Pula & Rovinj
. Cres
. Losinj
. Zadar/ Murter
. Biograd
. Sukosan
. Sibenik
. Primosten
. Split
. Split / Trogir
. Split / Rogoznica
. Split / Marina Kastela
. Dubrovnik

 

   
Ag Yacht Charter | Copyright © Marco Rossi 2008 | All rights reserved | Disclaimer | tel. +39 0322 3930895  | Ag Yacht Charter FAQs